L’Associazione SUPR è frutto del desiderio di studenti presso diversi Atenei Pontifici di rafforzare la comunicazione e la collaborazione fra le Università Pontificie, gli Atenei Pontifici e gli altri Pontifici Istituti e Facoltà di Roma.

Nel 2012 è cominciato il dialogo tra alcuni rappresentanti studenteschi, per accordarsi sulle caratteristiche che dovrebbe avere l’auspicata collaborazione. Una riunione presso la Pontificia Università Lateranense, nel mese di aprile 2013, ha permesso di capire il bisogno di creare un’Associazione di studenti e di individuare i principi che avrebbero dovuto ispirarla.

1pul.jpg

Così, il 21 novembre 2013, presso la Pontificia Università della Santa Croce, furono studiati gli statuti per la nuova Associazione, preparati da una commissione creata appositamente con questo scopo. In quel giorno, dopo aver apportato alcune modifiche, gli Statuti dell’Associazione SUPR sono stati approvati e firmati da rappresentanti di 12 Atenei Pontifici.

supr21111500filt.jpg

Nei mesi successivi, altri Atenei hanno deciso di aderire alla SUPR i cui membri, intanto, si radunavano periodicamente per lavorare in conformità con gli scopi dell’Associazione.

Finalmente, nel pomeriggio di mercoledì 21 maggio 2014, presso il Pontificio Istituto di Spiritualità Teresianum si è svolto l’evento di presentazione pubblica dell’Associazione SUPR durante il quale, oltre ai membri della SUPR, sono intervenuti Mons. Luis Romera, Rettore della Pontificia Università della Santa Croce e Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Pontificie Romane (CRUPR) e P. Varghese Maliakkal, allora Preside del Teresianum e oggi Segretario Generale della Pontificia Università Urbaniana.

Attualmente l’Associazione SUPR, ufficialmente riconosciuta come interlocutore valido per le istanze studentesche da tutte le principali Istituzioni Educative Pontificie, continua ad impegnarsi per essere uno strumento utile a stringere legami fra gli studenti degli Atenei Pontifici di Roma, affinché si conoscano meglio e collaborino il più strettamente possibile riuscendo, così, a trarre il massimo profitto dai loro anni di studio a Roma.